mercoledì 26 aprile 2017

Recensione "Nel profondo della foresta" di Holly Black

Buonasera bookspediani!
Pronti per una favola moderna dalle tinte dark?

cover Italiana

Titolo: Nel profondo della foresta
Autore: Holly Black
Editore: Mondadori
Genere: Fantasy
Data di uscita: 11 Aprile 2017

IL MIO VOTO



Nel profondo della foresta c'era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra.

Dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e orecchie affilate come coltelli... 

Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte.
Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato.
Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai.
Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade... sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città.




Hazel e Ben sono due fratelli che vivono nella cittadina di Fairfold, la quale si distingue per una particolarità: la convivenza con le creature magiche.
Faifold infatti si trova accanto ad una foresta abitata da folletti e da ogni sorta di creature sia buone che malvagie ed esse vivono in perfetto equilibrio con il mondo umano. 
Hazel e Ben si sono sempre sentiti attratti da questo mondo e la loro infanzia ha ruotato attorno ad un ragazzo con le corna chiuso in una bara di vetro, nella foresta.
 Hazel sognava di essere un cavaliere, di abbattere tutte le intemperie e di risvegliare finalmente la strana creatura. 
Ben invece è sempre stato più timido, più pacato. 
Si nascondeva nella musica, che è il suo vero talento, ma ha comunque sempre sognato il risveglio del ragazzo.Dopo un lungo tempo di pacifica convivenza ora il popolo fatato sembra ribellarsi agli abitanti di Farfold ed è solo l'inizio.
Il misterioso ragazzo con le corna si è svegliato ed è pronto a creare scompiglio nella vite di Ben e Hazel!
Siete pronti a questa avventura?

"C'era una volta una ragazza che aveva promesso di salvare tutti, ma si dimenticò di salvare se stessa"

Sono sempre stata attratta dai romanzi di Holly Black ma per un motivo o per un altro non sono mai riuscita a leggerli. 
"Nel profondo della foresta" è il mio primo approccio con lei, quindi non sapevo bene cosa aspettarmi.
Inizialmente il romanzo scorre lento, sebbene la narrazione sia molto semplice e chiara, gli avvenimenti della prima parte del romanzo non sono degni di nota. 
Ma giustamente l'autrice ci deve introdurre in un mondo nuovo, magico e serve del tempo per entrare in contatto con esso.
 Nella seconda metà invece il romanzo ha un'ascesa pazzesca che tiene alto il ritmo del libro e conquista il lettore e lo invoglia a proseguire la lettura.
E' grazie all'entrata in scena del ragazzo misterioso, Severin, che il romanzo prende una piega totalmente diversa e il ritmo si fa sempre più serrato, sempre più avvincente.

"Devo smettere di pensare alla vita che vorrei e iniziare a capire quello che voglio"

I due protagonisti di spicco sono chiaramente Ben e Hazel.
Fin da piccoli hanno avuto un rapporto speciale con la foresta e passavano ore a giocare e catturare le creature fatate.
Hazel è sempre stata la paladina di giustiza, è grazie a lei che hanno sconfitto tanti changeling mentre Ben faceva affidamento sulla sua dote: la musica. 
Ora però è finito il tempo dei giochi, entrambi sono cresciuti, i loro interessi sono cambiati e i due si sono allontanati. 
Sono tanti i segreti che si nascondono eppure sono sempre pronti a proteggersi, a coprirsi le spalle l'un con l'altro.
L'entrata in scena di Severin costringe i due fratelli a tornare bambini e a tornare i cacciatori che una volta erano, solo così potranno svelare i segreti che si nascondo dietro il risveglio del loro principe.

"I bambini possono avere un crudele senso di giustizia.
I bambini possono uccidere i mostri e sentirsi fieri di se stessi"

Il mio primo esperimento con Holly Black è stato un successo.
Ho adorato questa storia, è una favola moderna perfetta a tinte dark.
L'autrice è abile nel reiventare leggende ormai collaudate e renderle uniche nel suo genere, come l'idea stessa di rendere fate e folletti malvagi. L'ambientazione nella foresta, i segreti del popolo fatato, personaggi indimenticabili come Ben e Hazel e il ritmo serrato sono il mix perfetto che guidano il lettore in una favola che merita di essere letta.
Ed è inevitabile innamorarsene.
Ora non mi resta che recuperare tutti gli altri libri di Holly Black!
Chi ama il fantasy, sopratutto le fate e le vuole vedere in una luce più dark non può farsi sfuggire questa magica storia.




voi lo avete già letto?


Sara

4 commenti:

  1. Ho fatto bene ad aspettare la tua recensione o non lo avrei aggiunto alla wishlist. Da che partivo con i pregiudizi sono rimasta piacevolmente colpita dal tuo articolo! *-*

    RispondiElimina
  2. Messo in WL... Non vedo l'ora di smaltire queste letture e leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi ti do anche un paio delle mie :P

      Elimina