mercoledì 7 settembre 2016

Recensione "L'albero delle bugie" di Frances Hardinge

Buonasera bookspediani!
Oggi vi lascio la recensione di un fantasy davvero unico


31768558

Titolo: L'albero delle bugie
Autore: Frances Hardinge
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 30 agosto 2016
Genere: Fantasy

IL MIO VOTO






Fin da quando era piccola Faith ha imparato a nascondere dietro le buone maniere la sua intelligenza acuta e ardente: nell'Inghilterra vittoriana questo è ciò che devono fare le brave signorine. Figlia del reverendo Sunderly, esperto studioso di fossili, Faith deve fingere di non essere attratta dai misteri della scienza, di non avere fame di conoscenza, di non sognare la libertà. Tutto cambia dopo la morte del padre: frugando tra oggetti e documenti misteriosi, Faith scopre l'esistenza di un albero incredibile, che si nutre di bugie per dar vita a frutti magici capaci di rivelare segreti. È proprio grazie al potere oscuro di questo albero che Faith fa esplodere il coraggio e la rabbia covati per anni, alla ricerca della verità e del suo posto nel mondo. Magia, scienza e desiderio di libertà si incontrano in un questo romanzo, con una coraggiosa eroina che rompe gli schemi, nel solco di Jane Eyre





La protagonista dell'albero delle bugie è Faith Sunderly, figlia di un grande esperto di fossili, il Reverendo Sunderly.
Faith ha quattordici anni, non è più una bambina ma non è ancora una donna.

E' costretta ad occuparsi del fratellino più piccolo Howard e purtroppo si vede obbligata a nascondere il grande interesse che nutre per il lavoro del padre e soprattutto la sua intelligenza poichè purtroppo all'epoca avere a che fare con una donna colta era impensabile.         Ebbene sì perchè questo straordinario fantasy è ambientato all'epoca vittoriana e in quell'epoca le donne avevano molte limitazioni, erano utili solo alle chiacchiere da tè. 

Dopo il trasferimento nel Kent di tutta la famiglia a causa di alcune maldicenze riguardo il padre, Faith spera che la loro situazione possa solo che migliorare.
Purtroppo non è così, ma la ragazza rimane sempre fedele alle idee del padre anche quando lui fa di tutto per allontanarla dal campo scientifico.


"Una ragazza non può essere coraggiosa o intelligente come un ragazzo.
Se non è buona, è inutile"


Un giorno, dopo aver visto quello che non doveva condivide col padre un segreto che Faith pensa possa essere un nuovo legame tra loro, che finalmente sarà disposto ad accettare la ragazza per quello che è.

Purtroppo però il padre viene trovato morto e Faith non può darsi pace, deve assolutamente trovare il responsabile. Frugando tra le cose private del Reverendo la ragazza incappa nei suoi diari e leggendoli fa una straordinaria scoperta: esiste un albero magico che si nutre di bugie e mangiando i suoi frutti verrà rivelata una verità.
Ora a Faith non resta che trovarlo e risolvere il mistero attorno alla morte di suo padre una volta per tutte.


"voglio essere un cattivo esempio"

Non sapevo bene a cosa andavo incontro quando ho iniziato questo libro e sebbene preferisca i romance, l'opera di Frances Hardinge ha saputo conquistarmi.
Non è un libro per tutti, forse a molti l'ambientazione vittoriana farà un pò storcere il naso.      Inoltre il linguaggio della Hardinge oltre ad essere ben articolato e molto dettagliato è anche forbito e specifico per quanto riguarda il lavoro da scienziato del padre di Faith e il conseguente interesse della ragazza. La narrazione si svolge in terza persona, scelta che non fa immedesimare a 360° gradi nella storia ma grazie allo stile dell'autrice vi sarà impossibile staccarvi dalle pagina poichè sebbene l'inizio sia un pò lento, quasi a sorta di introduzione, il resto del romanzo si legge in poche ore di seguito.


Il personaggio di Faith è una critica ben costruita che la Hardinge fa nei confronti dell'epoca vittoriana.
La ragazza vorrebbe far vedere con quanta passione sostiene il lavoro del padre, quanto è interessata ad ogni nuovo ritrovamento ed ogni novità.
Purtroppo però non se lo può permettere perchè secondo gli standard della società lei deve essere una brava ragazza che per definizione si intende : obbediente e invisibile.
E questo lei non lo può sopportare.
Perchè lei è fatta per combattere, non per essere una brava ragazza.



A questo romanzo non manca assolutamente nulla e con un'eroina "cazzuta" come Faith non può non piacere, gli amanti del fantasy non possono lasciarselo scappare.





cosa ne dite?

Sara

10 commenti:

  1. Cose che amo di questo libro... TUTTO xD Davvero già lo adoro e nemmeno l'ho ancora letto! Sono felice che la recensione sia così positiva perché le mie aspettative sono molto alte. Sono stata colpita dalla cover *____* ma ero già bella che conquistata dopo aver letto che l'ambientazione è vittoriana <3 Non vedo l'ora di averlo tra le mani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è veramente unico!
      poi fammi sapere cosa ne pensi *-*

      Elimina
  2. Mi ispira tantissimo questo libro, prima me lo stavo perdendo ma con la tua recensione ho decisamente cambiato idea ❤️

    RispondiElimina
  3. Lo sto leggendo ora. Che rabbia le frasi contro l'intelligenza delle donne, l'autrice è stata brava a creare dei personaggi maschili così irritanti XD
    Sono contenta che ti sia piaciuto. Buone prossime letture!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì mamma mia è stato davvero difficile mandare giù certe frasi, ma tanto di cappello all'autrice!

      A te è piaciuto?

      Elimina
  4. Uh, sembra proprio interessante! Però la copertina originale mi piace di più, la trovo più intrigante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me per una volta piace di più quella italiana, ma ti assicuro che è un caso raro!

      Elimina
  5. Ciao bella! Volevo dirti che citerò questa recensione sul numero di Ottobre di Top Girl in edicola ^_^

    RispondiElimina